Lotta al cambiamento climatico

PASSA AL CONTENUTO PRINCIPALE
Pangea temporary hotfixes here

Il pianeta non può aspettare

Per il bene delle future generazioni, dobbiamo agire subito. Il futuro può ancora essere riscritto, ma tutti devono fare del proprio meglio, inclusi noi.

Il nostro impegno e i risultati conseguiti a oggi

Dal 2021, tutti i nostri prodotti sono a emissioni zero. È un ottimo risultato, ma non basta. Le sfide legate al cambiamento climatico che il mondo sta affrontando sono senza precedenti ed è necessario agire subito per ridurre ulteriormente il nostro impatto ambientale, in modo da supportare le comunità colpite dal cambiamento climatico e tutelare la natura.

Negli ultimi anni, abbiamo dato la priorità alla riduzione delle emissioni di CO2 dei nostri prodotti, siamo passati alle energie rinnovabili, abbiamo ripristinato le foreste e abbiamo offerto il nostro sostegno alle comunità colpite dal cambiamento climatico. Ora vogliamo spingerci oltre e fare qualcosa per ridurre l’impatto complessivo della nostra catena di valore, rimuovendo dall’atmosfera più CO2 di quanta ne produciamo. Il nostro obiettivo è arrivare ad avere un impatto netto positivo per riuscire, tutti insieme, a salvare il pianeta sul quale viviamo.

La nostra strategia

È da più di un decennio ormai che ripetiamo il nostro mantra: riduzione, recupero e ripristino. È arrivato il momento di ripeterlo ad alta voce.

Icona impronta verde

RIDUZIONE

Sviluppiamo progetti sostenibili per ridurre in modo significativo l’impronta di carbonio dei nostri prodotti, delle nostre attività e della nostra catena di approvvigionamento.

Icona energia rinnovabile

RECUPERO

Promuoviamo l’impiego di energia elettrica da fonti rinnovabili per tutte le nostre attività e per la nostra catena di fornitura. Progettiamo i nostri prodotti in modo che contengano materiali provenienti da catene di fornitura circolari.

Icona albero verde

RIPRISTINO

Contribuiamo al ripristino della silvicoltura e degli ecosistemi più colpiti dal cambiamento climatico sostenendo progetti a basse emissioni di CO2 e sviluppando soluzioni basate sull’uso sostenibile della natura.

Riduzione

La maggior parte della nostra impronta di carbonio proviene dalla fornitura e dalla produzione dei nostri prodotti e imballaggi. In linea con il nostro impegno a contribuire al contenimento del riscaldamento globale entro la soglia limite di 1,5 °C, abbiamo definito obiettivi ambiziosi di riduzione delle emissioni basati sulla scienza. Il cuore e l'anima del nostro programma è il concetto si design per la sostenibilità. Progettiamo prodotti e processi migliori per ridurre il più possibile gli impatti ambientali prima che si verifichino.

Immagine trasparenza sull’impronta di carbonio

È tutta una questione di numeri

Siamo già la prima azienda di prodotti elettronici di largo consumo ad apporre sui nostri prodotti etichette dettagliate sull'impronta di carbonio. Entro il 2025, tutte le nostre principali linee di prodotti saranno accompagnate dall’etichetta dell’impronta di carbonio.

Recupero

Per svolgere le nostre attività abbiamo bisogno di energia, e purtroppo non c’è modo di evitarlo. Tuttavia, stiamo facendo il possibile per assicurarci che tutta l'energia elettrica che utilizziamo provenga da fonti rinnovabili, quali il vento e il sole, e da altri progetti di energia rinnovabile. A livello aziendale, abbiamo già fatto notevoli passi in avanti, e ci stiamo adoperando per convincere anche i nostri fornitori e partner ad agire.

Utilizziamo l’analisi del ciclo di vita per calcolare il nostro impatto energetico complessivo, dall’approvvigionamento delle materie prime alla gestione dei nostri prodotti a fine vita.

Energie rinnovabili nella nostra impronta ecologica

100%

Energia rinnovabile impiegata presso il nostro impianto di produzione

100%

Elettricità 100% rinnovabile nei nostri uffici in Svizzera, Stati Uniti, India e Cina

92%

Energia rinnovabile impiegata a livello mondiale

Mappa del mondo
Mappa del mondo
map-desktop-text-v5
immagine verde iconmap

Ufficio importante

immagine blu iconmap

Impianto di produzione

Ripristino

Ridurre a zero le nostre emissioni di CO2 entro l’anno è il primo passo verso un traguardo ben più ambizioso, ovvero quello di diventare Climate Positive. Per riuscire a rimuovere più CO2 di quella che emettiamo, stiamo investendo in progetti di conservazione delle foreste e di sostentamento, oltre che in progetti dedicati alle energie rinnovabili, per ripristinare gli ambienti naturali e i mezzi di sussistenza delle comunità colpite dal cambiamento climatico. Ma non è tutto: stiamo investendo anche in progetti di cattura del carbonio volti a rimuovere l’anidride carbonica dall’atmosfera.

Dall’impegno alle azioni concrete

Dai un'occhiata più da vicino ad alcune delle iniziative di riduzione, recupero e ripristino che abbiamo intrapreso lo scorso anno per capire cosa stiamo facendo per tradurre i nostri impegni in azioni concrete.

Riduzione

Linea di montaggio dei mouse per computer

Cina

Riduzione delle emissioni di CO2 nel nostro impianto di produzione

Raggiungimento della neutralità carbonica mediante interventi di efficienza energetica e l’uso di energia elettrica da fonti rinnovabili presso il nostro impianto di produzione

Nel 2013 ci siamo posti l’obiettivo di ridurre del 20% l’impronta di carbonio del nostro impianto di produzione entro il 2018. Una volta raggiunto questo obiettivo, abbiamo deciso che dovevamo fare ancora di più e ci siamo impegnati a utilizzare il 100% di energia rinnovabile e a ridurre del 100% della nostra impronta residua mediante compensazioni certificate di alta qualità. Attraverso queste azioni, volevamo raggiungere la neutralità carbonica.

E ci siamo riusciti. A livello di impianto, questo obiettivo è stato raggiunto grazie a una serie di interventi di efficienza energetica, tra cui programmi volti a ridurre la domanda assoluta di energia mediante la sostituzione delle lampade T5 con i LED, l’ottimizzazione dell'uso dei compressori d'aria e l’installazione di temporizzatori per lo spegnimento delle luci e la chiusura delle fontanelle per l’acqua potabile. Inoltre, abbiamo continuato a lavorare allo sviluppo di un programma di misurazione che ci consentisse di identificare e valutare i punti critici a livello di consumi energetici e di capire quali interventi mirati attuare per ridurre tali consumi. Nel 2021, ad esempio, abbiamo sostituito uno dei vecchi compressori presenti presso il nostro stabilimento con un compressore d'aria a due fasi ad alta efficienza, migliorando l'efficienza di circa l'11%, e abbiamo rinnovato due refrigeratori. Questi progetti hanno generato, da soli, una riduzione stimata delle emissioni di 630 tCO2e.

Famiglia di prodotti Logitech

Plastica riciclata post-consumo

Prodotti più circolari grazie all’uso di plastica riciclata post-consumo

Logitech si impegna ad aumentare la circolarità dei propri prodotti. L’impiego di materiali vergini deve essere evitato e devono essere privilegiati i materiali riciclati. Per dare una seconda vita alla plastica da smaltire e ridurre la nostra impronta di carbonio, utilizziamo plastica riciclata post-consumo (PCR). Le plastiche PCR, utilizzate su larga scala in tutta l’azienda, vengono impiegate soprattutto per le gamme di prodotti più ampie al fine di favorire una drastica riduzione della nostra impronta di carbonio.

L’uso di plastica riciclata è uno degli elementi centrali del nostro impegno nei confronti di una progettazione sostenibile. Facciamo ricorso sempre più di frequente alle plastiche riciclate per realizzare mouse, tastiere, webcam e altoparlanti per le linee di prodotti più vendute. Entro la fine del 2021, più del 50% dei mouse e delle tastiere del nostro portfolio di prodotti più ampio, Creativity and Productivity, sarà realizzata in plastica riciclata, con una riduzione stimata del nostro impiego di plastica vergine e della nostra impronta ecologica pari rispettivamente a 7.100 e 11.000 tonnellate all’anno.

Mouse wireless M185

Mouse wireless M185

Riduzione dell’impronta di carbonio di M185, il nostro mouse più venduto

Nel 2020 abbiamo anche aggiornato M185, il nostro mouse wireless più venduto. Abbiamo ridotto significativamente il suo impatto ambientale lavorando su:

  • Rivoluzionaria piattaforma di progettazione PCB
  • Modulo scroller a impatto ridotto
  • Processo di stampaggio più efficiente
  • Design delle parti perfezionato per un peso ridotto


Queste migliorie hanno favorito una riduzione totale stimata del 15% dell’impronta di carbonio rispetto alla versione precedente di M185.

Mouse wireless M190

Mouse wireless standard M190

Riduzione dell’impronta di carbonio del nostro mouse standard M190

Nel 2020 abbiamo lanciato il mouse wireless standard M190, che offre comfort ottimale per entrambe le mani, connessione wireless senza ritardi, tracciamento di precisione e durata della batteria di 18 mesi.

M190 si basa inoltre su un nuovo approccio alla progettazione dei circuiti stampati (PCB). Razionalizzando il design di diversi circuiti stampati, siamo riusciti a ridurre in maniera significativa l’impatto ambientale delle linee di prodotti nuove ed esistenti, tra cui M190. Questa innovazione, unita ai sensori di potenza più efficienti, contribuisce a ridurre l'impatto ambientale del prodotto del 10% rispetto a M170.

Mouse per gaming G PRO X Superlight

Logitech G Pro X SUPERLIGHT

Riduzione dell’impronta di carbonio di Logitech G Pro X SUPERLIGHT

Nel 2021 abbiamo lanciato Logitech G PRO X SUPERLIGHT. Rivisitato e riprogettato con la massima cura dei dettagli per ridurne il peso e migliorarne le prestazioni, il nuovo PRO X SUPERLIGHT non pesa neanche 63 grammi, quasi il 25% in meno rispetto a Logitech PRO Wireless. La riduzione del peso è ottenuta utilizzando il 7,5 di plastica in meno, un circuito stampato più piccolo, magneti più piccoli, un minor numero di viti e un cavo più leggero.

La struttura leggera di G PRO X SUPERLIGHT favorisce una riduzione stimata dell’impatto ambientale di 260 tCO2e all’anno.

Inoltre, PRO X SUPERLIGHT è dotato del sensore HERO 25K di Logitech G, che utilizza un sistema di gestione intelligente dell'alimentazione per regolare continuamente la frequenza dei fotogrammi in base ai movimenti del mouse e ridurre al minimo il consumo energetico. Anche a DPI elevati, HERO offre un’efficienza energetica 10 volte maggiore rispetto ai precedenti sensori Logitech G, il che equivale a una riduzione stimata dell’impatto ambientale pari a 117 tCO2e.

 

Cartellini di carta

Cartellini di carta

Un nuovo design in carta riciclabile al 100%

Nel 2021 abbiamo anche introdotto i nostri cartellini realizzati al 100% in carta, una soluzione di design innovativa basata sull’uso della pasta modellata al posto della plastica o del normale cartone utilizzati nei design precedenti. A differenza degli altri cartellini in carta, il nostro nuovo design è rinforzato per ridurre il rischio di strappi.

Essendo composto per il 100% di carta, il nostro nuovo cartellino è anche riciclabile al 100%.

Packaging delle webcam

Packaging delle webcam

Un nuovo design in carta riciclabile al 100%

Nel 2021, abbiamo ridotto significativamente le dimensioni, il peso e l’uso di materiali per una vasta gamma di confezioni per webcam, riducendo le dimensioni finali del packaging fino al 71%, a seconda della linea di prodotti. Questo ci ha anche permesso di ridurre il numero di bancali necessari per ciascuna spedizione: un solo bancale può ora contenere tra il 30% e il 60% di unità in più rispetto a prima. Tutto questo lavoro ha portato a una riduzione dell’impatto stimato di 1.773 tonnellate di CO2 all’anno

Confezione mouse marrone

Eliminare la plastica monouso: le confezioni

Intensificare gli sforzi per eliminare la plastica monouso

Nel 2021 abbiamo continuato a intensificare i nostri sforzi per eliminare la plastica monouso dai nostri packaging. Abbiamo messo a punto una politica sulla plastica monouso, sottolineando il nostro impegno a ridurre il più possibile l’uso di imballaggi in plastica in tutte le gamme di prodotti, con l’obiettivo a lungo termine di eliminarli completamente.

Passando alla confezione marrone per i prodotti venduti online, abbiamo eliminato con successo oltre 1,1 milioni di contenitori in plastica dal nostro portfolio nel corso di quest’anno.

Niente plastica monouso nelle confezioni Logitech

Eliminare la plastica monouso: i sacchetti di plastica nella distribuzione

Intensificare gli sforzi per eliminare la plastica monouso

Nel 2021 abbiamo continuato a intensificare i nostri sforzi per eliminare la plastica monouso dai nostri packaging. Abbiamo messo a punto una politica sulla plastica monouso, sottolineando il nostro impegno a ridurre il più possibile l’uso di imballaggi in plastica in tutte le gamme di prodotti, con l’obiettivo a lungo termine di eliminarli completamente.

Per proteggere le scatole di imballaggio durante la distribuzione, siamo passati dall’uso della plastica all’uso di involucri in carta velina per diverse linee di prodotti. Questo ci ha consentito di eliminare oltre 2,6 milioni di sacchetti di plastica dalle nostre linee di prodotti esistenti, cui si aggiungono altri 3 milioni per i prodotti appena lanciati.

Vista esplosa della confezione di una tastiera

Eliminare la plastica monouso: i sacchetti di plastica all’interno della confezione

Intensificare gli sforzi per eliminare la plastica monouso

Nel 2021 abbiamo continuato a intensificare i nostri sforzi per eliminare la plastica monouso dai nostri packaging. Abbiamo messo a punto una politica sulla plastica monouso, sottolineando il nostro impegno a ridurre il più possibile l’uso di imballaggi in plastica in tutte le gamme di prodotti, con l’obiettivo a lungo termine di eliminarli completamente.

Inoltre, abbiamo eliminato i sacchetti di plastica presenti all'interno della confezione per molte delle nostre linee di prodotti, utilizzando al loro posto carta velina e sacchetti in carta morbidi per proteggere il prodotto e gli accessori. Questo ci ha consentito di eliminare altri 5,8 milioni di sacchetti di plastica.

Mouse ERGO M575 con packaging a ridotto impatto ambientale

Packaging di ERGO M575

Intensificare gli sforzi per eliminare la plastica monouso

Nel 2021, abbiamo lanciato ERGO M575, dotato di un packaging innovativo con un’impronta di carbonio inferiore del 34% rispetto al suo predecessore M570 e contenente il 98% in meno di plastica monouso.Plastica residua in M575: Etichetta di sicurezza (0,05 g) e lamina in PP sulla confezione principale (circa 1 g).

Integrando le valutazioni dell’impatto ambientale durante l’intero processo di progettazione e sviluppo, il team ha sviluppato una soluzione che ha consentito di eliminare del tutto i contenitori e i sacchetti di plastica, sostituendoli con un involucro protettivo interno in carta. Per ridurre ulteriormente l'impatto e lo spreco di materiale, tutte le istruzioni per l’installazione sono state stampate direttamente su questo involucro protettivo in carta.

Recupero

Tecnico che testa un prodotto logitech

Cina

Impiego di energia rinnovabile presso il nostro impianto di produzione

Compensare il 100 % delle emissioni dovute al nostro consumo di elettricità

Nel 2018, abbiamo deciso di compensare il 100% delle emissioni dovute al consumo di elettricità del nostro impianto di produzione acquistando energia elettrica proveniente da fonti rinnovabili certificate da terzi. Da allora, abbiamo continuato a usare il 100% di energia rinnovabile e abbiamo raggiunto il traguardo del 92% di energia elettrica da fonti rinnovabili a livello mondiale, avvicinandoci sempre di più all’obiettivo del 100%. Grazie a questo programma, stimiamo di avere evitato un quantitativo di emissioni pari a 14.615 tCO2 quest'anno e di aver compensato le emissioni residue per garantire la neutralità carbonica.

3 persone in una sala riunioni in cui viene utilizzata elettricità rinnovabile

Globale

Elettricità rinnovabile nei nostri uffici

Compensare il 100 % delle emissioni legate al consumo di elettricità

Le emissioni dovute al consumo di elettricità dei nostri uffici in Svizzera, Stati Uniti, Irlanda, Paesi Bassi, India e Cina sono ora compensate dall’acquisto di energia elettrica proveniente da fonti rinnovabili. Nel 2021, abbiamo avuto l’onore di essere stati riconosciuti dall’Environmental Protection Agency (EPA) degli Stati Uniti come Green Power Partner per il nostro impegno a favore dell’impiego di energia elettrica rinnovabile negli Stati Uniti. Utilizzando energia elettrica proveniente da fonti rinnovabili nel nostro impianto di produzione e in questi uffici, abbiamo raggiunto il traguardo del 92% di energia elettrica da fonti rinnovabili a livello mondiale, avvicinandoci sempre di più al nostro obiettivo del 100%. Grazie a questo programma, stimiamo di avere evitato un quantitativo di emissioni pari a 14.615 tCO2 quest'anno e di aver compensato le emissioni residue per garantire la neutralità carbonica. Stiamo lavorando per ottenere la certificazione di neutralità carbonica da parte di terzi per i nostri uffici.

Fila di pale eoliche

Elettricità rinnovabile nella nostra catena di approvvigionamento

Incentivare i fornitori a passare all'energia elettrica rinnovabile

Nel 2020 abbiamo invitato i nostri principali fornitori a unirsi a noi nella transizione all’energia elettrica rinnovabile. Per supportare i fornitori, abbiamo lanciato un portale dell'energia rinnovabile e un club acquirenti per consentire e incentivare l'acquisto all’ingrosso di energia elettrica rinnovabile di alta qualità certificata da terzi per gli stabilimenti dei fornitori che prendono parte al processo produttivo di Logitech.

Per il periodo di riferimento 2020, i fornitori hanno allocato 186.246 MWh di energia elettrica alle attività produttive di Logitech e hanno acquistato 70.599 MWh di energia elettrica rinnovabile dal nostro portale dell’energia rinnovabile (97%) o da altre fonti (3%), per compensare la loro impronta ambientale. Stimiamo che questo abbia generato una riduzione delle emissioni pari a 41.871 tCO2e.

Gruppo sul clima RE100

Advocacy

Supportare la transizione globale dai combustibili fossili alle energie rinnovabili

Nell’ambito della nostra partecipazione all’iniziativa RE100, continueremo a promuovere la transizione dai combustibili fossili alle energie rinnovabili e faremo del nostro meglio per accelerare il raggiungimento della neutralità carbonica su larga scala.

RE100 è guidata da The Climate Group in collaborazione con CDP. La missione di RE100 è accelerare la transizione all’energia pulita e alle zero emissioni a livello globale, per garantire a tutti un futuro più pulito e sano. I partecipanti a RE100 si impegnano a promuovere il passaggio al 100% di energia elettrica da fonti rinnovabili in tutto il mondo, nel più breve tempo possibile, e lavorano in collaborazione con altri per affrontare le sfide politiche e del mercato.

Abbiamo aderito all'iniziativa RE100 a novembre 2019 per collaborare con altri leader del settore e contribuire al movimento globale volto a promuovere l’impiego di energia elettrica prodotta al 100% da fonti rinnovabili.

Ripristino

Palude con arcobaleno

BRASILE

PROGETTO DI CONSERVAZIONE DELLA FORESTA TROPICALE AMAZZONICA ENVIRA

Lotta alla deforestazione, tutela di alcuni degli habitat più ricchi di biodiversità al mondo e sviluppo di iniziative sostenibili volte a garantire il sostentamento delle comunità locali

Si tratta di uno dei più importanti progetti REDD+ al mondo, nonché uno dei pochi ad avere ricevuto la certificazione VCS-CCB di livello Triple Gold. Il progetto è volto a sottrarre alla deforestazione circa 200.000 ettari di foresta pluviale incontaminata nel bacino amazzonico e a collaborare con gli agricoltori che vi abitano per garantire il loro sostentamento. Oltre a consentire di ridurre le emissioni di circa 1,2 milioni di tCO2e all’anno attraverso la prevenzione della deforestazione, il progetto offre numerosi benefici alle comunità locali, tra cui opportunità di istruzione e formazione, ad esempio attraverso corsi di formazione sull’espansione dell’attività agricola, l’istituzione di una sede centrale locale con una farmacia e un ambulatorio, la costruzione di bagni comuni, la concessione di terreni e la creazione di attività economiche alternative, tra cui la raccolta e la vendita di piante medicinali e açaí.

Impianto fotovoltaico

NINH THUAN, VIETNAM

IMPIANTO FOTOVOLTAICO MY SON HOAN LOC

Rivoluzione delle energie rinnovabili in Vietnam attraverso il fotovoltaico.

Questo impianto fotovoltaico situato nella soleggiata provincia di Ninh Thuan, in Vietnam, contribuisce alla transizione del paese verso un futuro più verde e a basse emissioni di carbonio. Esso offre un’energia alternativa e rinnovabile per sostituire i combustibili fossili tradizionali e promuove lo sviluppo delle economie locali scegliendo i propri dipendenti all’interno della comunità locale e ricompensandoli con salari sostenibili in modo da porre fine alla povertà.

campi geotermici di ulubelu

INDONESIA

CENTRALE GEOTERMICA DI ULUBELU

Sfruttamento dei campi geotermici dell'Indonesia per ottenere energia pulita e rinnovabile.

Situata nella provincia di Lampung, nell'estremità meridionale dell'isola di Sumatra, la centrale geotermica di Ulubelu genera oltre 860 GWh di elettricità rinnovabile per la rete interconnessa di Sumatra, in Indonesia. Oltre a ridurre le emissioni, questo progetto contribuisce allo sviluppo sostenibile e agevola la transizione a un sistema energetico a basse emissioni in Indonesia.

orango

KALIMANTAN CENTRALE, INDONESIA

RISERVA DI BIODIVERSITÀ RIMBA RAYA

Salvaguardia di 65.000 ettari di foresta e dell’orango del Borneo, una specie a rischio di estinzione, e miglioramento delle opportunità di sostentamento delle comunità locali.

La riserva di biodiversità di Rimba Raya è una torbiera tropicale situata sull’isola del Borneo, in Indonesia. Lo scopo di questo progetto è proteggere 65.000 ettari di foresta e torbiere tropicali ricche di carbonio arrestando la deforestazione delle aree di foresta pluviale originariamente destinate alle piantagioni di palma da olio. Supportando questo progetto, Logitech contribuisce alla conservazione di uno dei sink biosferici che rientrano nel programma REDD+ e alla tutela dei 105.000 esemplari di orango del Borneo, a rischio di estinzione. Il progetto si propone inoltre di offrire a oltre 2.500 famiglie che abitano nell’area l’opportunità di migliorare, mediante iniziative di formazione e conservazione delle risorse agro-forestali, le proprie condizioni di vita, incrementando la sicurezza alimentare, creando opportunità di reddito e garantendo l’accesso alle cure e all’istruzione, il tutto sfruttando il mercato dei crediti di carbonio.

Fila di alberi piantati

CINA

AFFORESTAZIONE DI FANGCHENG E TANGHE, NELLA PROVINCIA DI HENAN

Azzeramento delle emissioni nette attraverso il sequestro di carbonio.

Il progetto prevede la creazione di nuove aree forestali mediante la messa a dimora di alberi su terreni che, prima dell’avvio del progetto, erano aride da almeno 10 anni. Attività come l'agricoltura intensiva, il pascolo o la raccolta del legname non sono più consentite nell'area interessata dal progetto e sono state sostituite con la piantumazione di alberi e la gestione delle foreste. Il progetto offre opportunità di lavoro ai residenti locali, che possono acquisire le necessarie competenze in materia di rimboschimento e gestione delle foreste attraverso corsi di formazione professionale. Ripristinando questi ecosistemi forestali, il progetto contribuisce alla riduzione delle emissioni di gas serra, alla tutela di biodiversità e risorse idriche e alla prevenzione dell'erosione del suolo, favorendo al contempo la transizione delle comunità locali a mezzi di sussistenza più sostenibili.

Catena montuosa in lontananza

CINA

AFFORESTAZIONE DI QINGHAI

Azzeramento delle emissioni nette attraverso il sequestro di carbonio.

La provincia di Qinghai si trova sull’altopiano tibetano, a un’altitudine di oltre 3.000 metri sul livello del mare. Conosciuto come “il tetto del mondo” o “la torre d’acqua dell’Asia”, l’altopiano tibetano è l'habitat naturale di specie animali rare, nonché il luogo scelto dalla Cina per creare riserve naturali, foreste, praterie e paludi. Il lago di Qinghai è il lago più grande della Cina e si trova all’incrocio tra le vie migratorie di diverse specie di uccelli provenienti da tutta l’Asia. Il progetto riguarda la zona a est del lago e prevede il ripristino di 14.000 ettari di foresta mediante la messa a dimora di diverse specie arboree native resilienti, tra cui abete, ginepro, pino, pioppo, betulla e olmo, su terreni aridi o degradati, non soggetti ai naturali processi di risanamento o riforestazione. Il progetto mira inoltre a fornire supporto alla comunità locale mediante la formazione e l’insegnamento di competenze tecniche.

Turbine eoliche lungo la baia

CINA

Cixi Wind

Supporto alla crescita del settore delle energie rinnovabili in Cina mediante l’ampliamento delle capacità produttive di energia rinnovabile per rispondere alla crescente richiesta di energia.

Il progetto Shanghai Cixi Wind produce elettricità rinnovabile nella baia di Hangzhou. Il parco eolico si compone di trentatré turbine da 1,5 MW ciascuna che generano in media 105 GWh all’anno, riducendo le emissioni di carbonio di 100.000 tonnellate di CO2e all’anno. Promuovendo la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili, questo progetto contribuisce al conseguimento dell’obiettivo della Cina di ricavare il 35% dell’energia elettrica utilizzata nel paese da fonti rinnovabili entro il 2030.

foresta mongolia

CINA

WU'ERQIHAN HA MIGLIORATO LA GESTIONE FORESTALE

Proteggere la silvicoltura della Mongolia Interna per le generazioni future.

L'obiettivo di questo progetto è trasformare l’area degli alberi tagliati in foresta protetta. L'area di attività del progetto è di 20.526 ettari e le specie coinvolte sono la betulla (Betula platyphylla) e il larice (Larix gmelinii). Prima dell’implementazione del progetto, gli alberi vengono tagliati sulla base di un piano di gestione del legname valido e verificabile approvato dal governo. Il progetto si propone di convertire gli alberi in foreste protette per ridurre le emissioni di gas serra. L'attività del progetto contribuirà alla tutela dell'ambiente (conservazione della biodiversità e controllo dell'erosione del suolo), contribuendo così allo sviluppo sostenibile.

cucine solari utilizzate per il riscaldamento dell'acqua

CINA

CUCINE SOLARI HENAN FUNIUSHAN

Forni solari per le famiglie più povere al fine di ridurre il consumo di combustibile e proteggere la salute delle persone.

Nella provincia di Henan, una delle aree più povere della Cina, le comunità locali sono solite usare cucine alimentate a carbone. Questo progetto distribuisce cucine a energia solare alle famiglie in otto villaggi rurali della provincia di Henan per consentire di ridurre l'uso del carbone per la cucina domestica e quindi evitare le emissioni di gas serra, migliorare la qualità dell'aria e risparmiare alle famiglie tempo prezioso e denaro, che verrebbero spesi per la raccolta e l'acquisto di carburante.

rimboschimento della città di zhangye con specie arboree autoctone

CINA

RIMBOSCHIMENTO DI ZHANGYE

Rimboschimento per aumentare l’assorbimento di carbonio

Questo progetto di rimboschimento prevede la messa a dimora di specie arboree autoctone su oltre 23.397,80 ettari di terreno arido nella città di Zhangye. L'obiettivo del progetto è aumentare l’assorbimento di carbonio e contribuire allo sviluppo sostenibile locale. L'attuazione del progetto di rimboschimento consentirà di ridurre le emissioni di gas serra e di mitigare il cambiamento climatico; migliorare la conservazione del suolo e dell'acqua e la copertura forestale; migliorare la biodiversità locale aumentando la connettività delle foreste e offrire reddito e opportunità di lavoro per le comunità locali e i residenti.

progetto parco eolico mongolia ximeng zheligentu

CINA

PARCO EOLICO XIMENG ZHELIGENTU

Finanziare lo sviluppo di una rete più rinnovabile in Cina

La fase 1 del progetto del parco eolico di Ximeng Zheligentu nella Mongolia interna prevede la costruzione di un parco eolico nella Mongolia interna, in Cina. Il parco eolico utilizzerà le risorse eoliche per la produzione di energia elettrica e l'energia elettrica generata dal progetto sarà venduta a West Inner Mongolia Power Grid, che è parte integrante della North China Power Grid. La produzione netta annua di elettricità stimata e la riduzione media annua delle emissioni del progetto proposto sono rispettivamente di 99,48 GWh e 104.941 tCO2e all'anno.

parco eolico di wujier

CINA

PARCO EOLICO DI WUJIER

Finanziare lo sviluppo di una rete più rinnovabile in Cina

Il progetto di energia eolica in Mongolia interna Wujier è un progetto di energia rinnovabile connesso alla rete elettrica nella città di Ordos, nella Mongolia Interna, nella Repubblica popolare cinese. Lo scopo del progetto è utilizzare un impianto eolico per generare elettricità a zero emissioni di gas serra (GHG) per la rete elettrica della Cina settentrionale, sostituendo in tal modo l’energia elettrica ad alta intensità di carbonio prodotta dai combustibili fossili. Si prevede che il progetto ridurrà le emissioni di gas serra di circa 120.508 tCO2e all’anno durante il primo periodo di accredito eliminando l’elettricità dalla rete.

persona che cucina a casa usando il biogas

CINA

DIGESTORI DI METANO RURALI HAIKOU

Recupero del biogas e sostituzione dei combustibili fossili

L’Haikou Rural Methane Digesters Project ruota attorno alla città di Haikou, nella provincia di Hainan, in Cina. Il progetto aiuta gli agricoltori a costruire digestori di metano che possono essere utilizzati per garantire che la materia organica, tra cui il letame e i rifiuti, si decompongano in modo anaerobico. Il progetto riduce le emissioni di gas serra in due modi: 1) il recupero e l’utilizzo del biogas proveniente dai liquami digeriti nel digestore e 2) il biogas usato come energia termica per sostituire il combustibile fossile (carbone), che è attualmente usato per soddisfare il fabbisogno energetico giornaliero delle famiglie locali per cucinare e riscaldarsi.

Report e certificazioni

INFORMATIVE TCFD

Secondary Nav HTML Hack LOGIWEB-2111